Seguici su facebook

const ERROR_API = "Error during API call\n"; const ERROR_FILE = "The specified file does not exist\n"; const URL = "https://api.smsmode.com/http/1.6/"; const PATH_SEND_SMS = "sendSMS.do"; const PATH_SEND_SMS_BATCH = "sendSMSBatch.do"; /** * Function parameters: * * - accessToken (required) * - message (required) * - destinataires (required): Receivers separated by a comma * - emetteur (optional): Allows to deal with the sms sender * - optionStop (optional): Deal with the STOP sms when marketing send (cf. API HTTP documentation) * - batchFilePath (required for batch mode): The path of CSV file for sms in Batch Mode */ class ExempleClientHttpApi { // send SMS with GET method public function sendSmsGet($accessToken, $message, $destinataires, $emetteur, $optionStop) { $message = iconv("UTF-8", "ISO-8859-15", $message); $fields_string = '?accessToken='.$accessToken.'&message='.urlencode($message).'&numero='.$destinataires.'&emetteur='.$emetteur.'&stop='.$optionStop; $ch = curl_init(); curl_setopt($ch,CURLOPT_RETURNTRANSFER, true); curl_setopt($ch,CURLOPT_URL, URL.PATH_SEND_SMS.$fields_string); $result = curl_exec($ch); curl_close($ch); if (!$result) { return ERROR_API; } return $result; } // send SMS with POST method public function sendSmsPost($accessToken, $message, $destinataires, $emetteur, $optionStop) { $message = iconv("UTF-8", "ISO-8859-15", $message); $fields_string = 'accessToken='.$accessToken.'&message='.urlencode($message).'&numero='.$destinataires.'&emetteur='.$emetteur.'&stop='.$optionStop; $ch = curl_init(); curl_setopt($ch,CURLOPT_RETURNTRANSFER, true); curl_setopt($ch,CURLOPT_URL, URL.PATH_SEND_SMS); curl_setopt($ch,CURLOPT_POST, 1); curl_setopt($ch,CURLOPT_POSTFIELDS, $fields_string); $result = curl_exec($ch); curl_close($ch); if (!$result) { return ERROR_API; } return $result; } // send SMS with POST method (Batch) public function sendSmsBatch($accessToken, $batchFilePath, $optionStop) { if (!file_exists($batchFilePath)) { return ERROR_FILE; } $fields_string = '?accessToken='.$accessToken.'&stop='.$optionStop; $cfile = new CurlFile($batchFilePath, 'text/csv'); $data = array('data-binary' => $cfile); $ch = curl_init(); curl_setopt($ch,CURLOPT_RETURNTRANSFER, true); curl_setopt($ch, CURLOPT_HTTPHEADER, array( 'content-type: multipart/form-data')); curl_setopt($ch,CURLOPT_URL, URL.PATH_SEND_SMS_BATCH.$fields_string); curl_setopt($ch,CURLOPT_POST, 1); curl_setopt($ch,CURLOPT_POSTFIELDS, $data); $result = curl_exec($ch); curl_close($ch); if (!$result) { return ERROR_API; } return $result; } }

 

prova html

L'Associazione Culturale "La rosa e il libro'' Odv è nata il 29 dicembre 2022 con l'intento di promuovere la donna e tutto il suo operato, la sua affermazione in ogni campo, le pari opportunità e il contrasto alla violenza di genere. 

Ad oggi i soci sono 30 (uomini e donne), che operano anche in altre regioni oltre il Molise, in cui abbiamo sede (Macchia d' Isernia). Siamo tutti volontari e ognuno mette in campo le proprie capacità, esperienze, professionalità, passioni e, soprattutto, la propria sensibilità, attraverso eventi socio culturali. Supportiamo e siamo supportati dai laboratori creativi delle "Uncinettine di Colli a Volturno" e "La bottega CreAttiva" di Macchia d''Isernia, nel portare avanti tante campagne di sensibilizzazione e solidarietà.

Collaboriamo con vari enti, pro loco e associazioni con cui stiamo tessendo una rete interattiva, promuovendo le nostre idee di rieducazione all'emotività e al rispetto, al fine della rimozione di vecchi ed errati retaggi culturali che portano a discriminazioni e violenza.

I nostri simboli sono la rosa, che rappresenta il rispetto e i buoni propositi e il libro, ossia la cultura, i buoni messaggi da veicolare.

 

Per contatti: 389 8836206​

Pagina Facebook Ufficiale

 

 

 

VINCENZO ORSANO: IL “PENDOLARE” DALLA RUSSIA, TUTTO CASA E LAVORO

 

Ciabattino, soldato, artigiano, meccanico, elettricista, commerciante, manutentore. È difficile spiegare in sintesi  cosa sia stato Vincenzo Michele Antonio Orsano, nato a Macchia il 9 settembre 1916, da papà Pasquale e mamma Teresa. Di certo c’è che entra di diritto nella galleria dei macchiaroli storici, perché tutta la sua vita fu un esempio di sacrificio e dedizione.

 

Si abitua ben presto al lavoro, “V’cienz”, frequentando la bottega del papà, famoso ciabattino del paese. Conosce quella che sarà sua moglie, Carmela, a 19 anni, giusto in tempo prima di partire per la guerra. Diventerà una sorta di pendolare dal fronte, perché – lasciata la moglie incinta – dopo 16 mesi in battaglia ancora non ha conosciuto la sua piccola Lena. Ottiene però un permesso e torna a casa, il tempo utile per abbracciare la piccola e mettere in cantiere una seconda gravidanza. Riparte per la Russia, nasce Pasqualina, Vincenzo è lontano, ma il suo cuore è dalle sue donne. Torna a macchia per un secondo permesso, ma è irriconoscibile, ha addosso panni strappati, porta una borsa piena di pezze, la sua barba è lunghissima. Poco importa, la famiglia è unita e felice, ma non per molto. Si riparte di nuovo per il fronte e poi, purtroppo, si torna di nuovo, stavolta per un motivo tragico: la morte all’etèà di 3 mesi di una terza figlia, Antonietta. Si salva da un bombardamento che uccide tutto il suo reggimento, arriva un quarto figlio, maschio, Antonio, la guerra finisce e Vincenzo torna definitivamente a casa, dove lo aspettano tre figli, una moglie e una vita ricostruire.

 

Qualcosa accade: un aereo si schianta vicino al fiume Volturno. Vincenzo decide di recuperare tutto il metallo dei resti del velivolo e di portarli nella sua bottega. Dal materiale recuperato dalle ali nascono coltelli, cucchiai, pettini, passapomodori, grattugie, mestoli e tanti altri utensili. La necessità rende Vincenzo un apprezzato fabbro, conosciuto anche nei paesi limitrofi. Ma il lavoro non basta, bisogna inventarsi anche altro, così Vincenzo inizia a fare anche il muratore, viaggiando in bicicletta traa Vairano, Cassino e Terracina. Si specializza anche nel fare il meccanico, ripara i primi mezzi a motore, auto e camion e riesce ad acquistare la sua prima auto. Termina i lavori per la casa, estende la sua attività a quella di elettricista, prima per un mulino, poi per il Comune. Nella sua officina vende anche le bombole, a tutto il paese, ma il 15 ottobre del 1958 la vita lo mette davanti a una sfida enorme: si scatena un incendio nella sua officina, che sale fino all’ultimo piano di casa. Vincenzo, preso dalla preoccupazione e dal panico, si butta nelle fiamme per salvare moglie e figli, riesce a portare in salvo dalla casa che brucia anche un baule con i suoi risparmi, contratti di lavoro e documenti. La casa è appena stata finita, adesso deve riprendere da capo.

 

È in difficoltà economiche e decide di trasferirsi a Roma. Ci rimane per 20 anni, lavorando come manutentore in aziende, poi torna al paesello insieme al figlio Antonio, per creare un nuovo futuro.

Vincenzo muore il 25 marzo 2011, a 95 anni.

 

 Torna a Gente di Macchia
Save
Cookies user prefences
We use cookies to ensure you to get the best experience on our website. If you decline the use of cookies, this website may not function as expected.
Accept all
Decline all
Read more
Sessione
comune.macchiadisernia.is.it
Accept
Decline
Analytics
Tools used to analyze the data to measure the effectiveness of a website and to understand how it works.
Google Analytics
Accept
Decline